Homepage - ITALIANO
Homepage - DEUTCH
CNDCEC - Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili
Homepage - ITALIANO
DEUTCH
Domenica 20 Maggio 2018
Sei in:
Area Pubblica  »  Archivio Comunicazioni
Mercoledì 17 Gennaio 2018
NUOVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA

Cari Colleghi,
 
è’ stato pubblicato sul Bollettino ufficiale del Ministero della Giustizia n. 24 del 31 dicembre 2017 il nuovo “Regolamento per la formazione professionale continua degli Iscritti negli Albi tenuti dagli Ordini dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili” approvato dal Consiglio Nazionale nella seduta dello scorso 18 dicembre.
 
Il nuovo regolamento in vigore dal 1° gennaio 2018 prevede le seguenti novità:
 
– Art. 8 comma 3: l’esonero dall’obbligo formativo per gli iscritti nell’Elenco Speciale e per i non esercenti la professione.
La richiesta di esenzione per mancato esercizio della professione deve essere presentata all’Ordine senza ritardo rispetto alla sopravvenienza della causa e l’esonero avrà efficacia dalla data della richiesta;
 
– Art. 7: l’equipollenza, nelle materie di riferimento, tra la formazione professionale continua dei Commercialisti e la formazione iniziale e l’aggiornamento biennale dei gestori delle crisi da sovraindebitamento (OCC); 
 
– Art. 5 comma 6: la possibilità di utilizzare i crediti eccedenti nel conteggio del triennio successivo frequentando le Scuole di Alta Formazione (SAF);
 
– l’eliminazione del limite per l’acquisizione di crediti formativi professionali tramite la modalità e-learning.
 
Si evidenziano alcuni refusi nel testo pubblicato nel Bollettino Ufficiale per i quali il Consiglio Nazionale ha già inoltrato al Ministero della Giustizia una richiesta di errata corrige:
 
♦sul Bollettino Ufficiale è stata erroneamente indicata la data di approvazione del regolamento del 18 dicembre 2017, anziché quella del 18 ottobre 2017, quale data di adozione del regolamento da parte del CNDCEC;
 
♦ all’art. 5, comma 4, del regolamento, dopo le parole “Salvo quanto previsto al comma 6”, è stato omesso il termine “non”. Pertanto la disposizione in commento stabilisce il divieto di riportare nel computo dei crediti di un triennio i crediti maturati nei trienni precedenti; 
 
♦ all’art. 21, comma 2 del regolamento è stata erroneamente indicata la data del 31 gennaio 2017, anziché quella del 31 dicembre 2017.
 
Cordiali saluti.
Manuela Superina